LA CLASSE OPERAIA (NON VA PIÙ IN PARADISO)

 

IL NUOVO VIDEOCLIP DI LUCA BASSANESE

 

Un ring, due pugili, e il senso del lavoro come riscatto sociale.

 

link diretto al video: http://youtu.be/S1tfWwI5IFQ

 

Nuovo videoclip per il cantautore attivista Luca Bassanese dal suo ultimo album ?L?amore (è) sostenibile?. Un bianco e nero che ricorda un passato presente, ossimoro di questi tempi schizofrenici dove l'identità non è più classe ma omologazione.
Pier Paolo Pasolini nella sua ultima intervista pochi giorni prima di morire diceva: "Ho nostalgia della gente povera e vera che si batteva per abbattere il padrone senza diventare il padrone. Poiché erano esclusi da tutto nessuno li aveva colonizzati."
Ed è cosi che la mercificazione ed il consumismo giunti ad ogni strato sociale hanno portato all'omologazione di tutto e di tutti. Rendendo simili i desideri si sono omologate le masse sostituendo il sogno di famiglia e comunità al "sogno necessario", come diceva Guy Debord, individualista della merce, quel sogno mediato dalle immagini della pubblicità. Dice Bassanese: « "La Classe Operaia (non va più in paradi so)", citazione al ?negativo? dello storico film di Elio Petri, non vuole essere la denuncia di una sconfitta, ma l'invito a ragionare su quel sentimento di riscatto legato al lavoro e ai diritti del lavoratore come strumento di libertà, indipendenza, dignità e futuro per cui tanti hanno lottato», un futuro di giustizia ed equità dove la parola stessa "lavoro" viene vista necessariamente in funzione di una crescita collettiva, sociale e culturale, fulcro della nostra Costituzione, art. 1 « L?Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. »
Il brano è prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica.

CREDITS

"La Classe Operaia (non va più in paradiso)"
dall'album di Luca Bassanese "L'amore (è) sostenibile"
ITunes  http://tinyurl.com/p4pmn4l

Prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica

Regia:
Elodie Lebigre, Francesco Mastronardo

Montaggio:
Francesco Mastronardo

Con:
Juan Carlos Cucco
Nicola Nicoli

Location:
Centro Sociale Bocciodromo
Palestra Polisportiva Independiente

Si ringraziano:
Marco Artolozzi
Carlo Milan
Francesco Pavin
Teo Molin Fop