I Gotturni - Stagione 2015/2016

 

TANTO PE' CANTA' - TEATRO CANZONE
Coinvolgente recital in omaggio a Gabriella Ferri. Da un progetto di Carlo Messini e con Anna Paganini Bresaola
.
Anna Paganini Bresaola canta Gabriella Ferri: è la prima tappa di un progetto che prevede la riscoperta del teatro canzone al femminile. Gabriella Ferri è stata una cantante italiana di musica leggera, nota per le interpretazioni delle canzoni popolari romane e napoletane, oltre che attrice teatrale. Il suo testamento spirituale è rintracciabile nella lunga raccolta di Canti Di Versi dove i ritmi jazz, tanghi e flamenchi, sono interpretati con voce struggente e teatralmente incisiva. Il recital di Anna Paganini Bresaola, accattivante e con punte di vivace e coinvolgente ironia, si snoda in una scelta fra i brani più noti della cantante romana, con una interpretazione che si prefigge di riscoprire e riproporre un’artista che tanto ha dato alla musica popolare italiana, un’artista vigorosa pur nella sua fragilità, che Fellini definì “un pagliaccio di razza”.

  

 

TORNA PRIMAVERA - CANZONE POPOLARE
“Santo Vecio, un cantastorie sulle rive del fiume”.
Con questo spettacolo la compagnia teatrale intende riscoprire e valorizzare una figura di menestrello, di cantastorie villafranchese che ha tratto la sua ispirazione poetica e canora esclusivamente dai luoghi in cui ha vissuto e dalle persone con le quali è stato in contatto.
La parabola poetica del cantastorie Santo Vecio è legata infatti alla vita, alle vicende e ai personaggi della Villafranca negli anni antecedenti a quello che tutti hanno chiamato “sviluppo” e che si è portato via il cuore del paese amato del barbiere. Angelo Maraia detto Santo Vecio.
I personaggi e i luoghi, amati e descritti dal cantastorie villafranchese sono il simbolo di tutte le piccole comunità; le loro caratteristiche e la loro vivacità si possono riconoscere negli aspetti tipici e nella semplicità di ogni società.
Lo spettacolo si propone di riscoprire e valorizzare uno spaccato di umanità altrimenti destinato ad essere perduto e rappresentato anche fuori dall'ambiente originario è stato apprezzato dal pubblico che riconosce come propri i personaggi narrati.

 

NON SPARATE SULLA MAMMA Commedia brillante di Carlo Terron - TEATRO PROSA
Una feroce e divertente critica di Terron nei confronti della possessività materna che rivela effetti comici irresistibili e, al tempo stesso, irresistibili verità. Nella descrizione dei due personaggi Terron, anticipa caratteri, eventi e costumi della società odierna in uno spaccato comico-tragico della borghesia di oggi, disperata e senza alcuna speranza di salvezza. Non sparate sulle mamme è tipico esempio del genere teatrale più congeniale a Carlo Terron, la satira corrosiva, dissacrante, in chiave paradossale e grottesca con spunti di humour nero. Due intime amiche si confidano le reciproche pene. Senza marito -una vedova l’altra separata- riversano tutta la loro affettività nel ruolo materno. E si preoccupano, vedono dappertutto insidie, donnacce in agguato per togliere in modo brutale ai giovani virgulti, studenti liceali, la candida innocenza. Alla fine trovano la soluzione................. Regia di Claudio Messini

 

EL TANO E LA CESIRA EN TELEVISION di Anna Paganini Bresaola - SPETTACOLO COMICO
Uno studio televisivo come tanti: una trasmissione verità di cui la TV straripa. Quei luoghi con divanetti per gli ospiti, telecamere e applausi finti, dove le lacrime facili fanno spettacolo e il dolore diventa prima patetico grottesco e infine terribilmente comico.. Una escalation di mostruosità, di paradossi, di insulsaggini e convenzioni che squarciano il velo di una società malata e sfociano nel comico, nell’assurdo che ci fa ridere ma, alla fine, solo di noi stessi. E così anche due Inalfabetici come el Tano e la Cesira riescono ad essere ingaggiati dala television, misurati e premiati dall’Audience unica giudicatrice della validità di programmi e persone, poco importa di ciò che si dice e chi lo dice, poco importa se la gente segue le trasmissioni per bravura dei protagonisti o per compassione degli stessi, l’importante è che faccia Audience. Uno spettacolo verità, certo, come le trasmissioni, ma inesorabilmente reale.
Regia di Claudio Messini

 

BARBERA E CHAMPAGNE (Gaber - Luporini)
A dodici anni dalla scomparsa dell’indiscusso inventore del Teatro Canzone, la compagnia teatrale I Gotturni vuole proporre un originale recital in omaggio al grande artista Italiano: Giorgio Gaber. Originale per la scelta artistica: una donna interpreterà come solista brani quali La libertà, Le elezioni, Mi scusi Presidente, Il dilemma, Far finta di essere sani ecc... Una carrellata di brani tra i più emblematici e significativi dell’opera gaberiana, senza tralasciare i più popolari. Alcuni monologhi introdurranno, secondo gli stilemi del teatro canzone, i brani cantati. Una recital per raccontare Giorgio Gaber con tanto tanto amore. Anna Bresaola canterà il “suo” Giorgio Gaber, con l’umiltà dell’amore, senza pretese imitative, ma con la gioia di ricordarne, appassionatamente, l’inimitabile grandezza. Diceva l’indimenticato artista milanese: “la mia speranza è che qualcuno possa convincere gli altri a cambiare cammino. Ogni volta che vado in scena mi carico, per avere fiducia nello spettatore, proprio con la speranza che la testa della gente possa cambiare”. Ed è proprio nel nome di questa “speranza”, che Anna B ritiene doveroso ricordarlo, perché le sue parole, le sue canzoni continuino a smuovere gli animi degli ascoltatori. Musica, canto, mimo, recitato sapientemente amalgamati dalla regia di Claudio Messini.

 

 

IL GIOCO DEGLI SPICCIOLI di Federico Messini - CANZONE D'AUTORE
È una raccolta di canzoni – poesie che si inseriscono nella miglior tradizione della canzone d’autore.Poesia e musica si fondono armoniosamente, toccando temi che coinvolgono l’intimo sentire di ciascuno di noi. Canzoni di pensiero, di riflessione, di sentimenti pacati; nulla è gridato, tutto è ascoltato, in passaggi lievi e decisi di note che offrono al testo un sostegno significativo, ma non invadente. Musica che esiste per quei testi, testi che non possono essere ascoltati se non con quella musica.

 

L’INGANNO DELLE SCIMMIA di Francesca Bonazzoli - READING
In queste immaginarie autobiografie senza censura di Lavinia Fontana, Artemisia Gentileschi, Jeanne Hébuterne e Suzanne Valadon create da Francesca Bonazzoli le quattro grandi pittrici tolgono le maschere e tornano a essere semplici donne con le loro debolezze e i sogni mai confessati.
Regia di Claudio Messini

 

IN VIAGGIO CON MARY POPPINS E MAGO MERLINO - TEATRO RAGAZZI
Spettacolo di canzoni e fiabe per grandi e bambini In scena l’attrice Anna Paganini Bresaola con burattini e attori per coinvolgere il pubblico in un viaggio fantastico, tra avventure sogni, difficoltà prove, scherzi e risate. Al posto della consueta borsa, Mary viaggerà con un computer. Con il potente mezzo tecnologico aiuterà i bambini a risolvere piccoli e grandi problemi e a vivere con fantasia. Compagno di viaggio il dispettoso Mago Merlino simpatico burlone che interverrà nello spettacolo con sortilegi e magie Mary e Mago Merlino sono personaggi di magia, quella magia che risolve i problemi quotidiani. La tecnologia dovrebbe essere il parallelo moderno della magia eppure spesso viene utilizzata male, solo per giocare o senza una razionale progettualità. Lo spettacolo sottolinea questo rapporto tra l’utile e l’abuso, tra il divertimento e l’uso responsabile. Il computer è strumento se chi lo utilizza ne conosce le potenzialità, le possibilità, i mezzi, altrimenti è oggetto vuoto e innocuo in se stesso. I bambini sempre più alle prese con l’informatica spesso sono vincolati dalla esclusiva tentazione dei giochi senza conoscerne gli effetti diseducativi o le altre possibilità che il computer offre se utilizzato correttamente.

 

PINOCCHIETTO ROSSO di Anna Paganini Bresaola - TEATRO RAGAZZI
Pinocchio, ad un certo punto della sua storia, non volendo diventare un bravo bambino, decide di dare una svolta alla sua vita ed è l’inizio di una nuova e appassionante avventura. Il suo desiderio più grande è di incontrare Cappuccetto Rosso e sostituirsi ad essa, e… tra canzoni, nuovi amici e travestimenti… venite e scoprirete insieme a noi cosa accade! I linguaggi utilizzati sono molteplici (mimo, fiabe, burattini), ma prevale la musica con le accattivanti canzoncine, di cui alcune tratte dai più bei cartoni animati della Walt Disney. La musica, quindi, come gradevole pretesto per coinvolgere i bambini in un’attiva partecipazione che permette una migliore fruizione del messaggio educativo.
Regia di Claudio Messini

 

FATA TAPPARELLA ALLA RICERCA DI PIPPI SBIRULINA di Anna Paganini Bresaola - TEATRO RAGAZZI
Dov’è finita Pippi e tutta la sua allegria?! Davanti a uno schermo della TV? Si , si è rinchiusa in casa davanti alla Tv e non vuole più uscire. No, no, no, non ci si può ridurre così!! Allora bambini siete pronti?! Forza, credo che insieme con un po’ di storie, di giochi, di favole, di canzoni e altre cose divertenti riusciremo a far cambiare idea a Pippi, la divertiremo talmente tanto che riuscirà senz’altro a staccarsi dallo schermo e ritornerà ad assaporare la vita insieme a tutti noi! Forza e... buona fortuna!! Pippi Sbirulina, vivace bambina dai vestiti strani. Nello spettacolo PIPPI diviene un simbolo, il simbolo della vivacità, vivacità che viene però appiattita, smorzata da un mezzo potente e quanto mai diseducativo quando i loro fruitori ne rimangono catturati per ore, e soprattutto quando può colpire la fantasia e l’immaginazione dei più indifesi e quindi dei bambini. Il personaggio della Fata Tapparella rappresenta la coscienza di Pippi e cerca di essere una guida, cerca di distogliere l’attenzione di Pippi dalla televisione. Ma nulla, solo l’intervento del Grillo Parlante riesce a risolvere la situazione è lui infatti che pronuncerà le parole più scontate, ma che nessuno nella realtà riesce a mettere in pratica: “SPEGNERE LA TV”.
Regia di Claudio Messini

 

ARRIVA IL CLOWN di Anna Paganini Bresaola - TEATRO RAGAZZI
Clown Minù né combinerà di tutti i colori!! Eh si, perché Minù è un po’ pasticcione! Proverà con un numero davvero straordinario “la camminata sul filo a 30 metri d’altezza. Ma sarà vero? Se la caverà meglio con la giocoleria, palline, piatti, cerchi…? Quello che è sicuro è il momento della magia. Eh si, le magie riusciranno sicuramente perché saranno i bambini stessi ad aiutare questo clown pasticcione con cori di parole e frasi magiche! Nella messa in scena l’attrice focalizza l’attenzione degli spettatori sulla gestualità, sull’utilizzo espressivo del corpo e delle sue possibilità di coinvolgere attraverso le dinamiche fisiche. Numeri da giocoliere e di prestigio costituiscono l’ossatura e la trama portante dello spettacolo che sfrutta i tempi e ritmi serrati per costruire un ininterrotto susseguirsi di gags e battute.
Regia di Claudio Messini

 

I Gotturni nascono nel 1981 per volonta? di Claudio Messini - direttore artistico e regista/attore della compagnia. 35 anni di attivita? professionale prediligendo il teatro musicale e il teatro comico brillante. Protagonisti di successo che li ha visti circuitare nei migliori teatri Italiani dal Sistina di Roma al Litta di Milano, nei migliori festival, in programmi televisivi prodotti dalla RAI, I Gotturni rinnovano il loro impegno professionale creando un punto di riferimento per la produzione, la gestione, l’organizzazione e la promozione di attivita? nell’ambito del teatro, della musica, della didattica e della cultura in ogni sua forma.

In aggiunta agli spettacoli in repertorio, la nostra associazione offre una serie di attivita? e servizi per i piu? piccoli in modo da favorire lo sviluppo culturale e sociale dei bambini. Tutte le attivita? sono svolte da professionisti del settore con ventennale esperienza e vengono costantemente aggiornate e monitorate, per offrire prestazioni di qualita?.

• laboratori, stage di teatro per adulti e bambini.
• un vasto repertorio di letture animate, dalle favole classiche a quelle moderne, per i bambini delle scuole materne ed elementari, realizzate da lettori professionisti della nostra compagnia.

La nostra compagnia e? provvista di tutto il materiale necessario per allestire gli spettacoli in totale autonomia; non sono quindi previsti costi aggiuntivi per il service audio-luci.